top of page

6 - L'Editto della Fede

Questo documento costituisce una traduzione letterale dallo spagnolo, in logudorese, della proclamazione pubblica dell'atto della fede, stilata dall'Inquisizione spagnola come previsto nella pragmatica reale del febbraio 1567. La postilla finale, che proclama quaranta giorni d'indulgenza a chi è presente alla lettura dell'atto della fede, indicherebbe nella firma semi leggibile il cognome "Zampero". Il documento sarebbe stato quindi utilizzato tra il 1656 e il 1659, quando era vescovo di Ampurias e Civita Lorenzo Sampero.

 






















 

Si riporta la trascrizione e la traduzione dal logudorese:

NOIS SOS INQUISIDORES con(tra) fa heretica pravidade & apftafia in cuftu regnu de Sardigna & fu diftrictu fou per autoridade apoftolica &c. Atotu fos viguinos, & moradores iftantes, & refidentes in totu fas cidades, villas, & logos de cuftu noftru districtu, de cale fi chergiat iftadu, condifione, preeminenfia, o dignidade, che fian exemptos, o no exemptos, & dognia unu, & cale fi chergiat de bois ateros, a notifia defos cales hat a vener fu contenidu in cufta noftra litera in cale fi chergiat manera falude in fu Siñore noftru Iefu Chriftu, chi eft vera falude, & a fos noftros cumandamentos chi pius veramente funt apoftolicos firmamente obedire, bardare, & cumplire. Faguimus a ifchire che dae nantis noftru eft comparfidu fu promotore fifcale de cuftu fantu Offifiu, & nos hat fatu relafione narende qui bene ifquiamus, & nos fuit notoriu, chi fuin algunos dies & tempus chi in multas cidades, villas, & logos de cuftu diftrictu nò

fi fuit per nois fata inquififione, ne vifita generale, pro fa cale caufa a notifia noftra non fuint venidos multos delictos chi fi fuin comiffos & perpetrados contra fa noftra fanta Fide Catholica chi fi devian punire & caftigare, & chi de cuftu fi feguiat defervifiu a noftru Siñore & grande dannu & periudifiu a fa religione Chriftiana, chi nois haeremus cumandadu, & fatu fa dita Inquififione & vifita generale, leinde pro cuffu edictos publicos, & caftigande sos chi fi agataren culpados, de manera chi fa noftra fanta Fide Catholica femper efferet infalfada & aumétada. Et nois vifta fa dimàda fua effer iufta cherende provider circa de cuftu fu chi convenit a fu ferviciu de Deus Noftru Siñore hamus cumandadu dare & dadu fa prefente pro boisateros & dognia unu de bois ateros pro sa dita raxone, azio chi fi ifchides, o intendides, hagis viftu, o intefu chi alguna, o algunas perfonas vivas, prefentes, o abfentes, o mortas, hapan fatu, o naradu, o cretidu acunas opiniones, o paraulas hereticas, fufpetosas, erroneas, temerarias, male fonantes, fcandalofas o blasfemia hereticale contra Deus noftru Siñore, & fa fua fanta Fide Catholica, & contra fu chi tenet, preigat, & infignat fa noftra fanta mater Ecclesia Romana, lu naredes, & manifeftedes dae nantis noftru.

A   2                                      Est

Secta de Moises

…Est a ifchire fi ifchides, o hagis intefu narrer chi alguna o algunas perfonas hapan bardadu algunos fabados pro hondra, bardia, & obfervanfia de fa lege de Moyfen, veftendefi in cuddos camifas netas, & ateros veftires bonos, & de dies de fefta ponende in fas taulas tiagias netas, & in fos letos lentolos netos pro hondra de fu ditu fabadu no faguende in cuddos fogu, ne atera cofa alcuna tenendelu totu fatu dae fa chenabura fero. O chi hapan anetadu, o ifogiadu fa peta chi hana a mandigare betandela in fa abba pro leareli fu famben. O chi hapan bogadu fa randula dae fa coxia de fu craftadu, o de cale fi fiat ateru animale. O chi hapan ifcannadu refes, o aes chi hana a mandigare atrevefadas narende certas paraulas proande primu fu burteddu in fa ugna pro vider fi tenet marra, coberinde fu famben cun terra. O chi apan mandigadu peta in carefima, o in ateros dies prohibidos peri fa fanta mater Ecclefia fenfa necefidade, tenende, & creende chi la podian mandigare fenfa peccadu. O chi hapan deinadu fu deungiu maiore chi naran defu perdonu, andende cuddu die ifcurzos, o fi narreren orafiones de Iudeos, & afa note fi dimandaren perdonu fos unos a fos ateros ponende fos babos a fos figios fa manu fubra fa cabita fenfa fignarelos, ne narrer niente, o narende dae Deus, & dae me fiades beneditos pro fu chi difponet fa lege de Moysen, & fas ferimonias fuas. O fi deinaren fu deungiu de fa Regina Efther, o fu deungiu de Rebeaffo chi chiaman defa perdida de fa domo fanta, o ateros deungios de Iudeos in fa chida, comente eft fu lunis & fa gioya no mandiguende in fos ditos dies fini a fa note, befida fa iftella, & in cuddas notes no mandiguende peta, & fabunendefi unu die in nantis pro fos ditos deungios, tagliandifi fas ugnas, & fas puntas defos pilos, bardendelos, o bruxendelos, narende orafiones Iudaicas, alzende & baxende fa cabita voltados cara afu muru, & innantis de narrerlas fabunendefi fas manos cun abba, o terra, veftendefi veftires de faraga, iftamengna, o tela, cun certas cordas, o cordigliolas apicadas a fos cabos cun certos nodos. O celebraren fa pafca de fu pane azimu fenfa madriga cominzende amandigare latuca, apiu, & ateras virduras in fos tales dies. O bardaren fa pafca de fas pinnetas ponende ramos virdes o in palios, mandiguende & leande colafione dandela fos unos a fos ateros. O fa fefta de fas

defas candelitas allumendelas a una a una fini a degue & daepufti torrendelas a iftudare narende orafiones Iudaicas in fos tales dies. O fi beneigueren fa taula fegundu fu coftumen de fos Iudeos. O biende vinu de domo. O fagueren fu Baraha leande in manu fu vafu de fu vinu narende fubra de cuddu certas paraulas dande a bier a dognia unu una bucada. O fi mandigaren peta morta dae manos de Iudeos. O mandigaren in taula cun iffos & defos mandigares inforo. O fi narraren fos pfalmos de David fenfa gloria patri. O fi ifpetaren fu Meffia, o narreren chi fu Meffia promiffu in fa lege non eft venidu, & chi haiat a venner, & lu ifpetaan pro chi los bogaret dae fa captividade in fa cale naraan chi iftaian, & los portaret a fa terra de promiffione. O fi alcuna femina ifpetaret baranta dies dae puftis de fi effer illierada fenfa intrare infa ecclefia pro fa ferimonia de fa lege de Moyfen. O fi cando nafchen fas criaduras las circuncidaren, o poneren nomen de Iudeos ziamendelos gafi, o fi lis fagueren raer fa chrifma, o famunarelos dae pusftis de batizados in hue lis ponen fu ogiu & fa chrifma. O a fa feptima note defu nafchimentu de fa criadura ponende unu bacinu cù abba, & betendebi oro, arguentu, perulas minudas, trigu, orgiu, & ateras cofas, famunende fa dita criadura in cudda abba narende certas paraulas. O haeren fatu fados afos figios. O fi alcunos funt coiuados a modu Iudaicu. O fi fagueren fu Ruaya, chi eft cando acuna perfona fi partit pro faguer caminu. O fi portaren nominas o pungas de Iudeos. O fi a fu tempus chi cumaffan, learen fa coa de fu cumaffu & la betaren in fu fogu a bruxare pro facrificiu. O fi cando alcuna perfona iftat in fu articulu defa morte la voltaren afu muru pro morer, & morta la famunaren cù abba calda, raforgendeli fa barba, & futa fos brazos, & ateras partes de su corpus, amortagiendelos, o, imboligandelos cun tela noa, calzones, & camifa, & capa piyada fubra fu coddu ponendelis a fa cabita unu cabidale cun terra virgine, o in buca moneda de perulas minudas, o atera cofa. O los atitaren, o betaré fa abba de fos càtaros, & iarras in fas domos de fu mortu, & in fas ateras de fu viguinu pro ferimonia Iudaica, mandiguende dae fegus de fa ianna pifche & olia, & non peta pro dolu de fu mortu, non beffende dae domo pro unu annu, pro obfervantia de fa dita lege. O fi los futerraren in terra virgine, o in offariu de Iu-

B

de Iudeos. O fi alcunos finde funt andados a torrare iudeos. O fi alcunu hat nadu chi tantu bona eft fa lege de Moyfen, comente fa de fu redemptore noftru Iefu Chriftu.

Secta de Mahoma.

O fi ifchides, o hagis intefu narrer chi alcunas perfonas hapan naradu, o affirmadu chi fa fecta de Mahoma eft bona, & chi non chinde hat atera pro  intrare in paradifu, & chi Iefu Chrisftu nò est Deus, fino propheta, & chi non nafchifit dae noftra Segnora effende virgine innantis de fu partu, in fu partu, & dae puftis fu partu. O chi hapan fatu alcunos ritos, & cerimonias de fa fecta de Mahoma pro bardia, & obfervancia de cudda, comente eft fi haeren bardadu fas chenaburas pro fefta, mandiguende in cuddos peta, o in ateros dies prohibidos peri fa fanta mater Ecclefia narende chi non eft peccadu, veftendefi in fas ditas chenaburas camifas netas, & ateras robas de fefta. O hapan ifcannadu aes, o refes, o atera cofa atraveffende fu burteddu, laffende fa nugue in cabita, voltende fa cara a fu Alchibla, chi eft a fu oriente, narende Vizmelca, & ligande fos pees a fas refes. O chi non mandiguen nixunas aes chi non fian ifcannadas, o iften pro ifcannare de manu de feminas, ne cherendelas ifcannare fas ditas feminas pro efferlis prohibidu in fa fecta de Mahoma. O chi hapan retagliadu a fos figios, ponindelis nomines de moros, o chi fi alegren chi los chiamen gafi, o chi hapan naradu chi non chi hat ateru fi non Deus, & Mahoma fu minfagieri fou. O chi hapan iuradu pro fu Archibla , o naradu Alayminçula, chi cheret narrer per totu fos juramentos, o chi hapan deynadu fu deungiu defu Romadan, bardende fa pafca inforo, dande in cuda a fos poveros limosina, no mandigueude, ne biende in totu fu die fini a fa note beffida fa iftella, mandiguende peta, o fu qui queren. O chi hapan fatu fu fahor pefandefi fu mangianu, innantis aruefcat a mandigare, & daepuftis de haver mandigadu famunarefi fa buca & torrarefi a fu letu. O chi hapan fatu fu Guadoc, famunandefi fos brazos dae fas manos a fos cuydos, cara, buca, nares, oriyas, gambas, & partes vergonjosas. O qui hapan fatu dae puftis fu çala, voltende fa cara a fu Alchibla ponendefi fubra a una iftera o coberibancu alcende, & baxende fa cabita, narende certas paraulas in arabigu narende fa orafione de fu Andululey y Colhua, y laguahat, & ateras orafiones de moros. Et qui non mandiguen lardu, ne bian vinu pro bardia, & obfervancia de fa fecta

fecta de fos moros. O chi hapan bardadu fa pafca de fu ch…. aendelu mortu, faguende primu fu Guadoc. O fi alcunos fi fian coiuvados fegùdu ritu, & coftumé de moros, & chi apan càtadu cantones de moros, o fatu zambras, o leylas cun iftrumentos prohibidos. O fi alcunu haeret bardadu fos chimbe cumandamentos de Mahoma. O chi hapat poftu a iffe, o a fos figios o ateras perfonas anfas qui eft una manu in memoria de fos chimbe cumandamentos. O chi apan famunadu fos mortos amortagiandelos cun tela noa futerrandelos in terra virgine in tumbas ponendelos de coftadu cun una pedra afu cabitale, ponende in fa fepultura ramos virdes, mele, late, & ateros mandigares. O chi hapà ziamadu o invocadu Mahoma in fas neceffidades inforo, narende chi eft propheta, & minfageri de Deus, & qui fa prima Ecclefia de Deu iftetifit fa domo de Meca, hue narant eft futerradu Mahoma. O chi hapan naradu chi non fi baptizain cun crehentia defa noftra fanta fide catholica. O chi hapàt naradu chi bonu mundu hapant fos babos & donnos mannos chi morgifint moros o Iudeos. O chi fu moro fi falvet in fa fecta fua, & fu Iudeu in fa lege fua. O fi alcunu finde eft andadu a berberia, & renegadu de fa noftra fanta fide catholica, o a ateras partes & logos fora de cuftos regnos, a torrarefi Iudeos o moros. O chi hapan fatu, o naradu ateros ritos, o cerimonias de moros.

Secta de Lutheru

O fi ifchides o hagis intefu narrer chi alcuna o alcunas perfonas hapan naradu, tentu, o cretidu chi fa falfa & dannada fecta de Martinu lutheru, & fos fequaces fuos eft bona, o hapan cretidu, & approbadu alcunas oppiniones fuas narende chi non eft neceffariu chi fi fatat fa confeffione a fu facerdote, chi baftat confeffarefi a folu Deus, Et chi fu Paba, ne facerdotes no hana poteftade pro abfolver de fos peccados, & chi in fa hoftia confagrada non bi eft fu veru corpus de noftru fegnore Iefu Christu, & chi non fi hat a pregare a fos fantos, & chi nò bi hat haer imagines in fas Ecclefias, & chi non fi agatat purgatoriu, & chi non eft neceffariu pregare pro fos mortos, & chi nò funt neceffarias fas oberas, chi baftat fa fide cun fu baptifmu pro falvarefi, et chi ogniaunu podet confeffare, & communigare unu a s’ateru futa de ambas species de pane, & vinu. Et chi fu paba no hat poteftade pro dare indulgencias, perdonos, ne bullas. Et chi fos preideros

B 2

preideros, frades, & mongias fi poten coiuvare. O chi hapan naradu chi non chi hat haer frades, ne mongias, ne monafterios, leande fas cerimonias de fa religione. O chi apan naradu chi Deus non iftituifit, ne ordinait fas religiones, & chi megius, e pius perfetu iftadu eft fu de fos coiuvados, chi fu de fa religione, ne fu de fos preideros, ne frades. Et chi non chi hat feftas piu de fas Dominigas. Et chi non eft peccadu mandigare peta in fas chenaburas, ne in carefima, ne in vigilias pro chi pro cuffu nexunu die prohibidu chi hat. O chi apat tentu, o cretidu alcuna, o alcunas ateras propoficiones de fu ditu Martinu Lutheru, & fequaces fuos, o finde fiant andados foras de cuftos regnos a effer lutheranos.

Secta de fos Illuminados

            O fi ifchides, o hagis intefu narrer qui alcuna, o alcunas perfonas vivas, o mortas apan naradu, o affirmadu chi eft bona fa fecta de fos illuminados, o laffados, fpecialmente chi fa oratione mentale eft de preceptu divinu, & qui cun cudda fi cùplit totu fu de pius, & qui fa oratione eft facramentu futta de accidentes, & chi fa oratione mentale eft fa qui tenet cuftu valore. Et chi fa oratione vocale importat multu pagu. Et qui fos fervos de Deus no hana a trabagliare, ne occuparefi in exercicios corporales, & qui non fi hat a obedire a fu preladu, ne babu, ne fuperiore in cantu cumandaren cofa qui ifturbet fas horas de fa oratione mentale, & contemplazione. Et chi naren paraulas fentéde male de fu facramentu de fu matrimoniu. Et qui nexunu podet alcanfare fu fecretu de fa virtude fi non efferet difcipulu de fos mastros qui infignan fa dita mala dotrina. O qui nexunu fi podet falvare fenfa fa oratione chi faguen & infignan fos ditos mastros, & non confeffendefi cun iffos generalmente. Et chi certos ardores, tremores, & difmayos chi padin funt indicios de fu amore de Deus. Et chi pro  cuffu fi connofquet chi iftan in gracia, & tenen fu Spiridu fantu. Et chi fos perfectos no hana neceffidade de faguer oberas virtuosas. Et chi fi podet vider, & fi videt in cufta vida fa effencia divina, & fos mifterios de fa Trinidade cando ziompen a certu puntu de perfecione. Et chi fu Spiridu fantu immediatamente governat a fos qui viven gafi. Et chi folamente fi hat a feguire fu movimentu, & infpiratione interiore pro faguer, o laffare de faguer chalchi cofa. Et chi a fu tempus chi fi alzat fu fantiffimu facramentu pro ritu, & cerimonia

…monia necessaria fi hana a cungiare fos oios. O chi algunas perfonas hapan naradu, o affirmadu chi effende ziompidos a certu puntu de perfezione non poden vider immagines fantas, ne intender preigas, ne fa paraula de Deus, o ateras cofas de fa dita fecta & mala doctrina.

Diverfas heregias

O fi ifquides, o hagis intefu narrer alcunas ateras heregias fpefialemente chi non hat paradifu ne gloria pro fos bonos, ne infernu pro fos malos. Et chi nò chi hat pius de nafcher & morrer, o alcuna blaffemias hereticales comente funt no creo, difcreo, renego contra Deus nosftru Siñore, & contra fa virginidade & limpieza de noftra Siñora fa Virgini Maria, o còtra fos fantos, o fantas de fu chelu. O chi tengiant o hapan tentu familiares, invocande demonios, & fatu circulos, dimandendelis alcunas cofas, & ifetande rifpofta dae iffos. O fian iftados bruxos, o bruxas, o hapan hapidu patu tacidu, o expreffu cù fu demoniu miziende pro cuftu cofas fagradas cun prophanas, atribuinde a fa cridura fu chi eft folu defu criadore. O chi alcunu effende preideru de ordine facru, o frade profeffu fi fiat coiuvadu. O chi no effende ordinadu de ordine facerdotale hapat naradu miffa, o adminiftradu algunu defos facramentos de fa fanta mater Ecclefia. O chi alcunu confeffore, o confeffores, preideros, o religiofos’ de cale fi chergiat iftadu, o còdifione chi fiant, in fu actu de fa confeffione, o proximamente a icudda hapà folicitadu fas figias de confeffione provochendelas, o induguendelas cun fatos, o paraulas a actos turpes & dishoneftos. O fi alcuna atera perfona fi fiat coiuvada fegunda, o pius voltas tenende fa mugiere primargia, o maridu vivos. O chi algunu apat naradu, o affirmadu chi fa fimple fornicazione, o dare a ufura, o iurare falfu non eft peccadu, o chi eft megius & valet pius iftare unu affantadu chi non ciuvadu. O chi hapan fatu vituperios & malos tractamenos a immagines de fantos o rugues, o chi alcunu non hapat cretidu in fos articulos de fa fide, o dubidadu in alcunu de cuddos. O fiat iftadu unu annu o pius ifcomunigadu, o hapat menofprefiadu, & tentu in pagu fas cenfuras de fa fanta mater Ecclefia narende o faguende cofas contra de cuddas. O fi ifchides, o hagis intefu narrer chi alcuna o alcunas perfonas futa colore de aftrologia, o chi lu ischin pro fas istellas & afpetos inforo, o pro fas rigas, & fignales de fos manos, o pro cale fi chergiat

C

…arte, fcientia, o facultade o ateras vias rifpondan & anunfien fas cofas chi hana vener dependentes de fa libertade & liberu arbitriu de fu homine, o fos cafos fortuitos  chi hant a fuceder, o fu fatu & fuceffu in fas cofas paffadas ocultas & liberas, narende & affirmende, o dande a intender chi fi agatan regulas arte, o fcienfia pro poder ifchire fimigiantes cofas, o chi las anden adimandare o còfultare effende comente totu cuftu est pro fos tales effectos falfu, vanu, & fuperftifiofu in grande dannu & perturbafione de fa religione noftra & criftianidade.

Liberos

O fi ifchides, o hagis intefu narrer chi alcunas perfonas hapan tentu, o tengian alcunos liberos de fa fecta & opinione de fu ditu Martinu Lutheru, o ateros hereticos, o fu alcoran, o ateros liberos de fa fecta de Mahoma, o biblias in vulgare, o ateros cales fi chergiant de fos reproados, & prohibidos peri fas cenfuras & catalogos de fu fantu Offifiu de fa inquififione. O chi alcunas perfonas no cumplende fu chi funt obligados, hà laffadu de narrer & manifestare fu chi ifchin, o han intefu narrer, o naradu & perfuadidu a ateras perfonas chi no lu manifeftaren. O chi han fubordinadu teftimongios pro abixire falfamente fos chi han teftificadu in fu fantu officiu. O chi alcunas perfonas hapan teftificadu falsamente contra ateras pro lis faguer male & dannu, & maculare fa hondra inforo. O chi hapan incobertu, receptadu, o favoridu alcunos hereticos dandelis favore, & agiudu, occultende, & coberinde fas perfonas & benes inforo. O chi hapan poftu impedimentu periffos, o per ateros afu liberu & rectu cxerfifiu de fu fantu officiu offifiales, & ministros fuos, O chi hapan leadu, o fatu leare alcunos fambenitos dae hue fuin poftos peri fu fantu Offifiu, & hapan poftu ateros. O chi fos chi funt iftados reconciliados, & penitenfiados peri fu fantu officiu, no han bardadu ne cumplidu fas reclufiones ne penitenfias chi li funt iftadas impoftas. O fi han laffadu de portare pubblicamente fu habidu de fa reconfiliafione fubra fos veftires inforo. O chi alcunos reconfiliados o penitenfiados hapà naradu chi fu chi confeffain in fu fantu officiu gafi de fe, comente & de ateras perfonas no effer veridade ne lu avian fatu ne comiffu, & qui lu narain pro paura, o pro ateros refpetos. O qui hapan ifcobertu, o reveladu fu fecretu qui lis iftetifit incumandadu in fu fantu officiu. O qui alcunu hapat naradu qui fos relaxados

xados peri fu fantu officiu iftetifin condennados fenfa culpa & qui morgifin martires. O qui alcunos qui fian iftados reconociliados, o fos figios, & nebodes de fos condennados pro fu delitu & crimen de sa heregia hapan ufadu, & ufen officios publicos, & de honras qui lis funt prohibidos per deretu comune, leges, pragmaticas de custos regnos, & inftructiones de fu fantu officiu. O chi fi fian fatos preideros, o qui hapan alcuna dignidade Ecclefiaftica, o feculare, o infignias de tale. O hapan portadu cofas prohibidas comente funt armas, feda, oro, arguentu, corallos, perulas, ziambelloto, pannu fine, o andadu a caddu. O qui in podere de alcunu ifcrianu, o notariu, o atera perfona ifté alcunos proceffos, o actos, o denunciationes, informationes, o proas tocantes a fos delitos in cufta noftra litera relatados. O fi ifchides o hagis intefu narrer qui alcuna, o alcunas perfonas hapan dadu, prefentadu, imbarcadu, o fatu imbarcare caddos, o armas pro infedeles, Lutheranos, o cales fi quergiant ateros ereticos, o a terras, & logos de cuddos, o in cale fi chergiat manera venneren in podere inforo.

Pro tantu cun tenore de fa prefente amoneftamus, exhortamus, & requerimus, & in virtude de fanta obediencia, & futa pena de ifcominigacione magiore latae fententiae, trina cononica monitione praemiffa, cumandamus a totu, & cale fi chergiat de boifateros, qui fi ifchides, o hagis viftu, o intefu narrer, qui alcuna perfona hapat fatu, naradu, tentu, o affirmadu alcunas cofas de fas fubra naradas, & declaradas, o atera cale fi chergiat qui fiat contra fa noftra fanta fide catholica, & fu qui tenet, preigat, & infignat fa noftra fanta mater Ecclefia catholica Romana, gafi de vivos prefentes, o abfentes, comente & de mortos fenfa comunicarelu cun perfona alcuna, pro qui gafi convenit, vengiades, & còpargiades dae nantis nostru personalmente a narrerlu, & manifeftarelu intro de tres dies primu venidores dae puftis qui cufta noftra litera hata a effer leffida, & publicada o comente parte de cudda……………………hagis como ifchire. Advertendeos chi paffadu fu ditu terminu, no cumplende fu fubranadu, de pius chi hagis a effer rutos in fas ditas penas, & cenfuras, hamus a proceder contra fos chi hagis aeffer rebelles, & inobedientes comente & contra perfonas chi maliciofamente callan, & coberin fas ditas cofas, & fentin male de fas

C  2

de fas cofas de fa noftra fant fide catholica, & cenfuras de fa Ecclefia. Et pro cantu fa abfolufione de fu crimen & delitu de fa heregia eft ifpefialmente refervada a nois, cumàdamus & prohibimus futa fa mateffi pena a totu & cales fi chergià confeffores preideros, o religiofos, chi non abfolvan a perfona alcuna chi a circa de fu fubra naradu iftet culpada, non det haer naradu & manifeftadu in fu fantu offifiu fu chi de cuftas cofas hat a ifchire, o det haer intefu narrer, antis la remittan a nois, pro chi ifchida & verificada fa veridade, fos malos fian caftigados, & fos bonos, & fideles chriftianos conofchidos, & honorados, & fa noftra fanta fide catholica aumentada, & infalfada. Et pro chi fu fubra naradu vengiat a notifia de totu, & de cuddu nexunu potat allegare ignoranfia fi cumandat publicare hoe in fa Ecclefia.

FIRMA

…………

 

……………

ILL    Zampero

Su s.re Inquisidore prosa autoridade qui tenete et Bulas dessa Santa Sede … Concedit baranta dias de Indulgençia atotu sas personas qui si sunt agatadas pñtes a intender su presente editu et qui dent faguer qualqui actu in favore dssu S.u Officiu.

 

IURAMENTU CHI SI HAT

A faguer cando fi leet fu editu de fa fide

Alcen totu fa manu, & naret dognia unu comente & eo.

IURO  a Deus, & a fanta Maria, & a cuftu fignale de fa Rugue, & a fas paraulas de fos fantos Evangelios chi hapo a effer in favore, & agiudu de fa fanta fide catholica, & de fa fanta inquificione, officiales, & miniftros de cudda, & hapo a manifeftare, & ifcoberrer tottu, & cales fi chergiant hereticos, & a fos chi los favorin, defenden incoberrin, & perturban, & impedin fu fantu officiu, & chi non lis hapo a dare favore, ne agiudu, ne los hapo a incoberrer, antis fubidu chi lu ifca lu hapo a revellare, & declarare a fos fignores Inquisidores, & fi fu contrariu faguere, Deu mi lu dimandet, comente a icuddu, o a icuddos, chi a pofta fi perjuran. Naren totu. Amen.

 

Traduzione dal logudorese:

NOI GLI INQUISITORI contro la eretica pravità e apostasia in questo regno di Sardegna e nel distretto suo per l’autorità apostolica ecc. A tutti i vicini, e abitanti che stanno e risiedono in tutte le città, villaggi, e luoghi di questo nostro distretto, di qualsiasi stato, condizione, importanza, o dignità, che siano esenti, o non esenti, e ogn’uno, e qualsivoglia  di voialtri, a notizia dei quali giungerà quanto contenuto in questa nostra lettera in qualsivoglia modo salute nel Signore nostro Gesù Cristo, che è vera salute, e ai nostri comandamenti che più veramente sono apostolici fermamente obbedire, custodire, e compiere. Facciamo sapere che davanti a noi è comparso il promotore fiscale di questo santo Officio, e ci ha fatto relazione dicendo che era bene che sapessimo, e ci fosse notorio, che vi erano alcuni giorni e tempi che in molte citta, villaggi, e luoghi di questo distretto non fu fatta da parte nostra inquisizione, ne visita generale, per la qual causa a noi non erano venuti a notizia molti delitti che si erano commessi e perpetrati contro la nostra santa Fede Cattolica che si dovevano punire e castigare, e che da questo conseguiva  disservizio a nostro Signore e grande danno e pregiudizio alla religione Cristiana, che noi avessimo comandato, e fatto la detta Inquisizione e visita generale, leggendo per questo editti pubblici, e castigando coloro che si trovassero colpevoli, in modo che la nostra santa Fede Cattolica sempre fosse esaltata e aumentata. E noi vista la sua richiesta essere giusta volendo provvedere intorno a quanto ciò che conviene al servizio di Dio Nostro Signore abbiamo comandato dare e dato  la presente per voialtri e ogn’uno di voi altri per la detta ragione, così che se sappiate, o sentiate, o abbiate visto, o sentito che qualcuna, o alcune persone vive, presenti, o assenti, o morte, abbiano fatto, o detto, o creduto alcune opinioni, o parole eretiche, sospettose, erronee, temerarie, malsonanti, scandalose o blasfemia ereticale contro Dio nostro Signore, e la sua santa Fede Cattolica, e contro chi ritiene, predica, e insegna la nostra santa madre Chiesa Romana, lo diciate, e manifestiate davanti a noi.

Setta di Mosè

         E a sapere se sapete, o abbiate sentito dire che alcuna o alcune persone abbiano curato alcuni sabati per onore, cura, e osservanza della legge di Mosè, vestendosi in quei (sabati) con camicie pulite, e altri vestiti buoni, e dei giorni di festa mettendo sulle tavole tovaglie pulite, e nei letti lenzuola pulite per onore del su detto sabato non facendo in quei (sabati) fuoco, ne altra cosa alcuna avendolo fatto tutto dal venerdì sera. O che abbiano pulito, o disossato la carne che dovranno mangiare gettandola nell’acqua per levargli il sangue. O che abbiano tolto il grasso delle ghiandole dalla coscia del castrato, o di qualsiasi altro animale. O che abbiano scannato bestie, o volatili da mangiare preparati dicendo certe parole provando prima il coltello sull’unghia per vedere se è affilato, coprendo il sangue con terra. O che abbiano mangiato carne in quaresima, o in altri giorni proibiti dalla santa madre Chiesa senza necessità, sostenendo, e credendo che la potevano mangiare senza peccato. O che abbiano digiunato il “digiuno maggiore”(Yom Kippur)  che dicono del perdono, andando quel giorno scalzi, o se dicessero orazioni di Giudei, e alla notte se domandassero perdono gli uni con gli altri mettendo i padri ai figli la mano sopra la testa senza segnarli (con il segno della croce), e dire nulla, o dicendo da Dio, e da me siate benedetti secondo quanto dispone la legge di Mosè, e le cerimonie sue. O se digiunassero il digiuno della “Regina Ester”, o il digiuno di “Rebeasso” (Tisha BeAv)che chiamano della perdita della casa santa o altri digiuni di Giudei durante la settimana, come è il lunedì e il giovedì non mangiando in detti giorni fino alla notte, uscita la stella, e in quelle notti non mangiando carne, e lavandosi un giorno prima per detti digiuni, tagliandosi le unghie, e le punte dei capelli, conservandoli, o bruciandoli, dicendo orazioni Giudaiche, alzando e abbassando la testa voltati con la faccia al muro, e prima di dirle lavandosi le mani con acqua, o terra, vestendosi vestiti di “saraga” , “istamegna”, o “tela”, con certe corde, o cordicelle appese alle teste con certi nodi. O celebrassero la pasqua del pane azimo senza lievito iniziando a mangiare lattuga, finocchi, e altre verdure in tali giorni. O osservassero la pasqua delle capanne mettendo rami verdi o agitandoli, mangiando e prendendo colazione dandosela gli uni agli altri. O la festa delle candeline accendendole ad una ad una fino a dieci e poi spegnendole ancora dicendo orazioni Giudaiche in tali giorni. O se benedicessero la tavola secondo il costume dei Giudei. O bevendo vino di casa. O facessero il “Baraha” (kos shel beracha) prendendo in mano il bicchiere del vino dicendo sopra di quello certe parole dando da bere ad ognuno un sorso. O se mangiassero carne uccisa da mani di Giudei. O mangiassero a tavola con loro e dei loro cibi. O se dicessero i salmi di Davide senza il “Gloria al Padre”. O se aspettassero il Messia, o dicessero che il Messia promesso nella legge non è venuto, e che dovrà venire, e lo aspettassero per liberarli dalla prigionia nella quale dicono di trovarsi, e li portasse alla terra promessa. O se alcuna donna aspetasse quaranta giorni dopo aver partorito senza entrare in chiesa per la cerimonia della legge di Mosè. O se quando nascono i bambini li circoncidessero, o imponessero nome di Giudei chiamandoli in quel modo, o se gli facessero raschiare il chrisma, o li lavassero dopo essere stati battezzati la dove gli impongono l’olio (dei catecumeni) e il chrisma. O alla settima notte dalla nascita del bambino mettendo un bacino con acqua, e gettandovi oro, argento, perle piccole, grano, orzo, e altre cose, lavando il detto bambino in quell’acqua dicendo certe parole. O avessero fatto divinazioni ai figli. O se alcuni sono sposati al modo Giudaico. O se facessero il “Ruaya”, che è quando qualche persona parte per un viaggio. O se portassero elenchi o amuleti di Giudei. O se al tempo che nel quale s’impasta, prendessero la parte finale dell’impasto e la gettassero nel fuoco a bruciare per sacrificio. O se quando qualche persona si trova in punto di morte la voltassero verso il muro per morire, e morta la lavassero con acqua calda, rasandogli la barba, e sotto le braccia (ascelle), e altre parti del corpo, legandole, o, avvolgendole con tela nuova, calzoni, e camicia, e cappa piegata sopra il collo mettendogli sotto la testa un cuscino con terra vergine, o in bocca moneta delle perle piccole, o altra cosa. O facendo loro il lamento funebre, e gettassero l’acqua dei bacini, e giare nelle case del morto, e nelle altre del vicinato come cerimonia Giudaica, mangiando dietro la porta pesce e olive, e non carne come doglianza per il morto, non uscendo da casa per un anno, per osservanza della detta legge. O se li sotterrassero in terra vergine, o in ossario di Giudei. O se alcuni se ne fossero andati a ridiventare giudei. O se qualcuno ha detto che la legge di Mosè è buona tanto, quanto quella del redentore nostro Gesù Cristo.

Setta di Maometto

O se sappiate, o abbiate sentito dire che alcune persone abbiano detto, o affermato che la setta di Maometto è buona, e che non ve n’è un’altra per entrare in paradiso, e che Gesù Cristo non è Dio, se non profeta, e che non nacque da nostra Signora essendo vergine prima del parto, nel parto, e dopo il parto. O che abbiano fatto alcuni riti e cerimonie della setta di Maometto per cura, e osservanza di quella, come è se avessero curato i venerdì come festa, mangiando in quelli la carne, o in altri giorni proibiti dalla santa madre Chiesa dicendo che non è peccato, vestendosi in detti venerdì camicie pulite, e altri vestiti di festa. O abbiano scannato volatili, o bestie, o altra cosa attraversandola con il coltello, lasciando la noce nella testa (capocollo), voltando la faccia all’“Alchibla” (Alquibla), che è all’oriente, dicendo “Vizmelca” (Bi-smi 'llāhi al-Rahmāni al-Rahīmi), e legando i piedi alle bestie. O che non mangiassero nessuno dei volatili che non siano stati scannati, o stiano per essere scannati da mano di donna, non volendo che li debbano scannare le dette donne per essere proibito nella setta di Maometto. O che abbiano tatuato i figli, mettendo loro nomi di mori, o che si rallegrino che li chiamino così, o che abbiano detto che non vi è altro se non Dio, e Maometto il messaggero suo. O che abbiano giurato per “L’Alchibla” (Alquibla), o detto “Alayminçula” (Allāhu Akbar min kulli shay), che significa per tutti i giuramenti, o che abbiano digiunato il digiuno del “Romadan” (Ramadan), osservando la loro pasqua, dando in quella ai poveri elemosina, non mangiando, ne bevendo in tutto il giorno fino alla notte sorta la stella, mangiando carne, o quello che vogliono. O che abbiano fatto il “Fahor” (al-fajr) alzandosi al mattino, prima dell’alba a mangiare, e dopo aver mangiato lavandosi la bocca e ritornando a letto. O che abbiano fatto il “Guadoc” (al-Ghusl), lavandosi le braccia dalle mani ai gomiti, viso, bocca, narici, orecchie, gambe, e parti vergognose. O che abbiano fatto poi il “çala” (ṣalāt), voltando la faccia “L’Alchibla” (Alquibla), mettendosi sopra una stuoia o un copri banco alzando, e abbassando la testa, dicendo certe parole in arabo dicendo l’orazione del “Andululey e Colhua, e laguahat”, e altre orazioni di mori. E che non mangino lardo, ne bevano vino per cura, e osservanza della setta dei mori. O che abbiano osservato la pasqua del ch …. avendolo ucciso facendo prima il “Guadoc” (al-Ghusl). O se alcuni si siano sposati secondo rito, e costume di mori. E che abbiano cantato canzoni di mori, o fatto “zambras” (Zambra, danza flamenca gitana), o “leylas” (Leila antica festa con ballo notturna dei moriscos) con strumenti proibiti. O se qualcuno avesse osservato i cinque comandamenti di Maometto. O che abbia imposto a se stesso, o ai figli o altre persone “ansas” (hamsa) che è una mano in memoria dei cinque comandamenti. O che abbiano lavato i morti avvolgendoli con tela nuova sotterrandoli in terra vergine in tombe deponendoli sul fianco con una pietra come cuscino, mettendo nella sepoltura rami verdi, miele, latte, e altri cibi. O che abbiano chiamato o invocato Maometto nelle loro necessità, dicendo che è profeta, e messaggero di Dio, e che la prima chiesa di Dio fu la casa di Mecca, dove dicono è seppellito Maometto. O che abbiano detto che non si battezzavano con credenza della nostra santa fede cattolica. O che abbiano detto che buon mondo (Paradiso) avranno i padri e i grandi signori che morissero mori o Giudei. O che il moro si salvasse nella setta sua, e il Giudeo nella propria legge. O se qualcuno se ne fosse andato in barberia, e rinnegato della nostra santa fede cattolica, o da altre parti e luoghi fuori da questi regni, a ridiventare giudei o mori. O che abbiano fatto, o detto altri  riti, o cerimonie di mori.

Setta di Lutero

         O se sappiate o abbiate sentito dire che alcuna o alcune persone abbiano detto, sostenuto, o creduto che la falsa e dannata setta di Martino Lutero, e i seguaci suoi è buona, o abbiano creduto, e approvato alcune opinioni sue dicendo che non è necessario che si faccia la confessione al sacerdote, che basta confessarsi da soli a Dio, e che il Papa, ne i sacerdoti non hanno potestà per assolvere dai peccati, e che nell’ostia consacrata non vi è il vero corpo di nostro signore Gesù Cristo, e che non si devono pregare i santi, e che non vi devono essere immagini nelle chiese, e che non esiste purgatorio, e che non è necessario pregare per i morti, e che non sono necessarie le opere, che basta la fede con il battesimo per salvarsi, e che ognuno può confessare e fare la comunione uno con l’altro sotto le due specie del pane e vino. E che il papa non ha potestà per dare indulgenze, assoluzioni, ne bolle, e che i preti, frati, e monache si possono sposare. O che abbiano detto che non ci devono essere frati, né monache, ne monasteri, eliminando le cerimonie della religione. O che abbiano detto che Dio non istituì, neppure ordinò le religioni (ordini religiosi), e che migliore, e più perfetto stato è quello degli sposati, migliore di quello della religione (ordine religioso), di quello dei preti, e dei frati. E che non esistono le feste oltre le domeniche. E che non è peccato mangiare carne nei venerdì, neppure in quaresima, neppure durante le vigilie perché per quello non esiste nessun giorno proibito. O chi abbia sostenuto, e creduto alcuna, o alcune altre proposizioni del su detto Martino Lutero, e seguaci suoi, o se ne fossero andati fuori da questi regni a essere luterani.

Setta degli Illuminati

         O se sappiate, o abbiate sentito dire che alcuna, o alcune persone vive, o morte abbiano detto, o affermato che è buona la setta degli “illuminati”, o “lasciati”, specialmente che l’orazione mentale è di precetto divino, e che con quella si compie tutto il di più, e che l’orazione è sacramento sotto di accidente, e che l’orazione mentale è quella che ha questo valore. E che l’orazione vocale importa molto poco. E che i servi di Dio non devono lavorare, ne occuparsi in esercizi corporali, e che non si deve obbedire al prelato, ne padre, ne superiore in quanto comandassero cosa che disturbi le ore della orazione mentale, e contemplazione. E che dicano parole intendendo male (il significato) del sacramento del matrimonio. E che nessuno possa apprendere il segreto della virtù se non fosse discepolo dei maestri che insegnano la detta cattiva dottrina. O che nessuno si possa salvare senza l’orazione che fanno e insegnano i detti maestri, e non confessandosi con loro generalmente (comunitariamente). E che certi ardori, tremori, e svenimenti che patiscono sono indizio dell’amore di Dio. E che per quello si riconosce che stanno in grazia, e possiedono lo Spirito Santo. E che i perfetti non hanno necessità di fare opere virtuose. E che si può vedere, e si vede in questa vita l’essenza divina, e i misteri della Trinità quando giungono a un certo punto di perfezione. E che lo Spirito santo immediatamente governa coloro che vivono così. E che soltanto si deve seguire il movimento, e ispirazione interiore per fare, o lasciare di fare qualche cosa. E che al tempo nel quale si solleva il santissimo sacramento per rito, e cerimonia necessaria si devono chiudere gli occhi. O che alcune persone abbiano detto, o affermato che essendo giunte a certo punto di perfezione non posso vedere immagini sante, ne sentire prediche, ne la parola di Dio, o altre cose della detta setta e cattiva dottrina.

Diverse eresie

         O se sappiate, o abbiate sentito dire alcune altre eresie specialmente che non c’è paradiso ne gloria per i buoni, ne inferno per i cattivi. E che non si deve più nascere e morire, o alcuna blasfemia ereticale come sono non credo, miscredo, rinnego contro Dio nostro Signore, e contro la verginità e la purezza di nostra Signora la Vergine Maria, o contro i santi, o sante del cielo. O che abbiano o abbiano avuto familiari, invocando demoni, e fatto circoli domandando loro alcune cose, e aspettando risposta da loro. O siano stati stregoni o streghe, o abbiano avuto patto tacito, o espresso con il demonio mischiando per questo cose sacre con profane, attribuendo alla creatura ciò che è solo del creatore. O che qualcuno essendo prete di ordine sacro, o frate professo si sia sposato. O che non essendo ordinato di ordine sacerdotale abbia detto messa, o amministrato alcuno dei sacramenti della santa madre Chiesa. O che alcun confessore, o confessori, preti, o religiosi di qualsivoglia stato, o condizione che siano, nell’atto della confessione, o prossimamente a quella abbiano sollecitato le figlie di confessione provocandole, o inducendole con fatti, o parole a atti turpi e disonesti. O se alcun’altra persona si sia sposata una seconda, o più volte mantenendo la prima moglie, o marito vivi. O che qualcuno abbia detto, o affermato che la semplice fornicazione, o dare a usura, o giurare falso non è peccato, o che è meglio e vale di più essere un “assantadu” (consacrato) che non sposato. O che abbiano fatto vituperio e cattivi trattamenti a immagini di santi o croci, o che qualcuno non abbia creduto negli articoli della fede, o dubitato in qualcuno di quelli. O sia stato un anno o più scomunicato, o abbia disprezzato, e tenuto in poco conto le censure della santa madre Chiesa dicendo o facendo cose contro quelle. O se sappiate, o abbiate sentito dire che alcuna o alcune persone sotto colore di astrologia, o che lo sanno per le stelle e loro aspetti, o per le linee, e segnali delle mani, o per qualsivoglia arte, scienza, o facoltà o altre vie rispondano e annunzino cose che hanno da venire dipendenti dalla libertà e libero arbitrio dell’uomo, o i casi fortuiti che dovranno capitare, o il fato e successo nelle cose passate occulte e libere, dicendo e affermando, o dando a intendere che si trovano regole arte, o scienza per poter sapere simili cose, o che le vanno a chiedere o consultare essendo come tutto questo è per tali effetti falso, vano e superstizioso in grande danno, e perturbamento della religione nostra e cristianità.

Libri

         O se sappiate, o abbiate sentito dire che alcune persone abbiano avuto, o abbiano alcuni libri della setta e opinione del su detto Martino Lutero, o altri eretici, o il corano, o altri libri della setta di Maometto, o bibbie in volgare, o altri qualsivoglia dei riprovati, e proibiti dalle censure e cataloghi del sant’Officio dell’inquisizione. O che alcune persone non compiendo quello al quale sono obbligati, hanno tralasciato di dire e manifestare quello che sanno, o detto persuaso altre persone a che non lo manifestassero. O che hanno subordinato testimoni per cambiare falsamente quello che hanno testimoniato nel sant’Officio. O che alcune persone abbiano testimoniato falsamente contro altre per far loro male e danno e macchiare il loro onore. O che abbiano coperto, accolto, o favorito alcuni eretici dando loro favore, e aiuto, occultando, e coprendo le persone e i loro beni. O che abbiano posto impedimento per se stessi o per altri al libero e retto esercizio del sant’officio officiali, e ministri suoi, O che abbiano preso, o fatto prendere alcuni “sambenitos” (scapolari dell’infamia) da dove erano stati posti  per il santo Officio, e (ne) abbiano posto altri. O che coloro i quali sono stati riconciliati, e penitenziati dal santo officio, non hanno osservato ne terminato le reclusioni ne penitenze che erano state imposte loro. O se hanno lasciato di portare pubblicamente l’abito della riconciliazione sopra i loro vestiti. O che alcuni riconciliati o penitenziati abbiano detto che quello che confessarono nel santo officio tanto di fede, come e di altre persone non era verità ne lo avevano fatto ne commesso, e che lo dissero per paura, o per altri motivi. O che hanno scoperto, o rivelato il segreto che fu loro comandato nel santo officio. O che qualcuno abbia detto che i rilasciati (consegnati al braccio secolare) dal santo officio furono condannati senza colpa e che morirono martiri. O che alcuni che siano stati riconciliati, o i figli, e nipoti dei condannati per il delitto e crimine dell’eresia abbiano usato, e usino offici pubblici, e di onori che furono loro proibiti per diritto comune, leggi, prammatiche di questi regni, e istituzioni del santo officio. O che si siano fatti preti, o che abbiano qualche dignità Ecclesiastica, o secolare, o insegne di tale (stato). O abbiano portato cose proibite come sono armi, seta, oro, argento, coralli, perle, “ziambellotto” (camlet), panno fine, o andati a cavallo. O che in potere di qualche scrivano, o notaio, o altra persona vi sia alcuni processi, o atti, o denunce, informazioni, o prove riguardanti i delitti in questa nostra lettera relazionati. O se sappiate o abbiate sentito dire che alcuna, o alcune persone abbiano dato, presentato, imbarcato, o fatto imbarcare cavalli, o armi per gl’infedeli, Luterani, o qualsivoglia altri eretici, o a terre, e luoghi di quelli, o in qualsivoglia modo venissero in potere loro.

         Per tanto a tenore della presente ammoniamo, esortiamo, e richiediamo, e in virtù di santa obbedienza, e sotto pena di scomunica maggiore latae sententiae, trina canonica monitione praemissa, comandiamo a tutti, e qualsivoglia di voialtri, che se sapete, o abbiate visto, o sentito dire, che alcuna persona abbia fatto, detto, sostenuto, o affermato alcune cose di quelle su dette, e dichiarate, o altra qualsivoglia che sia contro la nostra santa fede cattolica, e quello che sostiene, predica, e insegna la nostra santa madre Chiesa cattolica Romana, così dei vivi presenti, o assenti, come e dei morti senza comunicarlo con persona alcuna, per che così conviene, veniate, e compariate davanti a noi personalmente a dirlo, e manifestarlo entro i tre giorni che verranno dopo che questa nostra lettera dovrà essere letta e pubblicata o come parte di quella……………….dobbiate sapere adesso. Avvertendovi che passato detto termine, non compiendo il suddetto, oltre a essere caduti in dette pene, e censure, dovremo procedere contro coloro che saranno ribelli, e inobbedienti come e contro persone che maliziosamente tacciono, e coprissero le dette cose, e facessero male le cose della nostra santa fede cattolica, e censure della Chiesa. E per quanto la assoluzione del crimine, e delitto dall’eresia è specialmente riservata a noi, comandiamo e proibiamo sotto la medesima pena a tutti e qualsivoglia confessori preti, o religiosi, che non assolvano persona alcuna che riguardo al sopra detto fosse colpevole, non debba aver detto e manifestato nel santo officio quanto di queste cose dovesse sapere, o dovesse avere sentito dire, anzi la rimettano a noi, perché saputa e verificata la verità, i cattivi siano castigati, e i buoni, e fedeli cristiani conosciuti, e onorati, e la nostra santa fede cattolica incrementata, e esaltata. E perché quanto suddetto venga a notizia di tutti, e di quello nessuno possa addurre ignoranza si ordina di pubblicare oggi nella Chiesa.

 

Firma

………………

………..

Ill. Zampero

 

Il signore Inquisitore per l’autorità che possiede e per le Bolle della Santa Sede… concede quaranta giorni di Indulgenza a tutte le persone che si sono trovate presenti a sentire il presente editto e che dovessero fare qualche atto in favore del Santo Officio.

 

Giuramento che si deve fare quando si legge l’editto della fede;

Alzino tutti la mano, e dica ogn’uno come me.

 

GIURO a Dio, e a Santa Maria, e a questo segnale della Croce, e alle parole dei santi Evangeli che avrò a essere in favore, e aiuto dalla santa fede cattolica, e della santa inquisizione, officiali, e ministri di quella, e avrò a manifestare, e scoprire tutto, e qualsivoglia eretici, e coloro che li favoriscono, difendono coprono, e perturbano, e impediscono il santo officio, e che non darò loro favore, ne aiuto, ne li avrò a coprire, anzi appena lo sappessi lo avrò a rivelare, e dichiarare ai signori Inquisitori, e se dovessi fare il contrario , Dio me ne chieda conto, come a quello, o a quelli, che di proposito spergiurano.

Dicano tutti. Amen

atto-di-fede.jpg
bottom of page